TOP banner inside AZB corsi estivi

La danza dell’orice di Ubah Cristina Ali Farah - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

In foto: riproduzione di un’opera di Wangechi Mutu, pittrice e performer di origine keniana

Presentazione del libro “La danza dell’orice”

Gli zoo umani:
una pratica che oggi ci indigna, ma che in Europa e in Nord America, tra il 1870 e la Grande Guerra, costituiva il normale intrattenimento.
Ce ne furono anche in Italia, tra Palermo (nel 1891), Trieste, Torino, Firenze, ma queste vicende fanno parte del colonialismo italiano che si tende a rimuovere.

Interverranno
Ubah Cristina Ali Farah – autrice del libro
Stefania Ragusa – giornalista per il mensile Nigrizia e per il gruppo Internationalia (Africa Rivista, Africa & Affari, InfoAfrica, Infomundi)

Introduce e coordina
Lucia Coco – Editor presso la casa editrice Juxta Press
L’incontro è in collaborazione con la Biblioteca Culture del Mondo.
“La danza dell’orice” (Juxta Press) è un libro-racconto firmato dalla scrittrice italo-somala Ubah Cristina e accompagnato dalla riproduzione di un’opera di Wangechi Mutu, pittrice e performer di origine keniana.
Quando si inizia a leggerlo, sembra di essere in una dimensione onirica: una terra secca, senza pioggia, una donna guerriera che viaggia attraverso il deserto e verso il mare.
Successivamente però, questo sogno si trasforma in realtà e trova posto nel tempo e nello spazio: 1930 circa, Corno d’Africa. Un uomo e una donna decidono di imbarcarsi per unirsi a uno dei numerosi zoo umani d’Europa.
Il porto al quale arrivano ricorda quello di Napoli, città che nel 1943 ospitò la Mostra delle Terre d’Oltremare, grande esposizione voluta dal fascismo per celebrare la supremazia italiana nel Corno d’Africa.
Un viaggio come metafora della vita, che tocca però un argomento per troppo tempo rimosso: quello degli zoo umani.

Ubah Cristina Ali Farah - scrittrice e poetessa di padre somalo e madre italiana, è nata a Verona e cresciuta a Mogadiscio dall’età di tre anni fino al 1991, quando, a seguito allo scoppio della guerra civile in Somalia, si è trasferita all’inizio in Ungheria e poi in Italia.

Stefania Ragusa - giornalista professionista. Collabora inoltre con varie testate: Nigrizia e il gruppo Internationalia, che edita varie testate (Africa Rivista, Africa & Affari, InfoAfrica, Infomundi), occupandosi in particolare di arte e culture africane.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Giovedì 08 Apr 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 15 Apr 2021
    6 ospiti, 6 racconti d'autore, recitati ed illustrati. Ospite: Frida Carazzato, "Il racconto dell'isola sconosciuta" di Josè Saramago, legge Lucas Da Tos, illustrazioni di Valentina Stecchi
  • Lunedì 12 Apr 2021
    DRIN*FORMA ospita: due chiacchiere con la mente di PODCASTORY Matteo Virelli Ormai sembra chiaro a tutti: siamo entrati nell'era della Podcast Revolution. Con l'inizio della pandemia abbiamo scoperto -o riscoperto- l'universo dei Podcast. Il mondo digitale ha rilanciato un nuovo mezzo di produzione e fruizione di contenuti grazie al mondo del podcasting. La modalità diretta e la sua capacità di creare una relazione informale, intima, fresca e originale con chi ascolta ha fatto del Podcast uno strumento di comunicazione particolarmente apprezzato specialmente dalla Generazione Z. All'interno del ciclo di appuntamenti DRIN*FORMA siamo lieti di fare due chiacchiere con Matteo Virellii: COO e Co-Founder di Podcastory, la prima podcast-factory italiana. Classe '95, dopo una decina di anni passati tra il mondo radiofonico, quello pubblicitario e quello editoriale decide di lanciarsi nell'universo dei podcast. Ma di che genere di Universo sta parlando?? Come sempre sarà possibile interagire con i nostri ospiti ponendo loro domande!