banner eventi annullati it

ANALOG TO DIGITAL: Come collegare la calligrafia e il graphi - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

ANALOG TO DIGITAL: Come collegare la calligrafia e il graphic design

Un piccolo excursus nella vita di un graphic designer con una grande passione per le lettere e la scrittura a mano.
Ma come possono andare d'accordo l'arte grafica e la calligrafia? Come si può trasportare un segno analogo nel mondo digitale - senza perdere il carattere umano del gesto fatto a mano?
Lo scoprirete assieme a Lisa Plattner: calligrafa, graphic designer e ammiratrice di lettere!

Date e orari evento :

Lunedì 23 Nov 2020

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 10 Dic 2020
    Raffaello e i suoi allievi negli arazzi sistini: un nuovo modo di creare con: Antonio Forcellino Su prenotazione: centrotrevi@provincia.bz.it Anche live streaming sul canale youtube TreviLab www.youtube.com/user/AltoAdigeCultura
  • Sabato 05 Dic 2020
    Sabato 5 dicembre torna la Giornata del Contemporaneo 2020 promossa da AMACI: Il Museion di Bolzano partecipa con un progetto digitale legato all’artista Cristian Chironi #giornatadelcontemporaneo Sabato, 5 dicembre torna la Giornata del Contemporaneo, la manifestazione per avvicinare il grande pubblico all’arte del nostro tempo promossa su tutto il territorio nazionale da AMACI (Associazione Musei d'Arte Contemporanea Italiani), che quest’anno giunge alla sedicesima edizione. Anche Museion – museo d’arte moderna e contemporanea di Bolzano aderisce alla Giornata, partecipando con un progetto digitale legato all’artista Cristian Chironi. Anche se le porte del museo sono chiuse per via delle disposizioni sul contenimento del Covid, Museion rimane infatti attivo con diverse proposte da fruire online. In occasione della Giornata del Contemporaneo è stato realizzato “Bolzano Drive”. Il video è legato alla performance dell’artista Cristian Chironi, avvenuta lo scorso tre ottobre. A bordo di una speciale Fiat 127 (Camaleonte) l’artista aveva infatti attraversato con un/una copilota la città di Bolzano, raccogliendo per un’intera giornata impressioni, storie, sguardi. Il video realizzato per la giornata del Contemporaneo intende riportare il pubblico nell’abitacolo della 127 Special (Camaleonte). Il paesaggio della città, le atmosfere di luce e di tempo, le architetture e i frammenti di conversazione vissuti quel giorno sono condivisi con l'intento di restituire l’esperienza di una particolare visione dal finestrino e al contempo perpetuare la condivisione di questo taccuino su quattro ruote. Il video verrà condiviso sui canali social di Museion. Il progetto di Cristian Chironi prosegue inoltre al Cubo Garutti sotto forma di una mostra visibile passeggiando all’esterno, con dei collage e una scultura, prodotti nel periodo di residenza a Bolzano (fino al 31 gennaio 2021). Cristian Chironi (Nuoro, 1974) usa linguaggi diversi creando una sorta di interazione tra loro. Ha lavorato a performance e installazioni site specific, cercando sempre l'interazione con il contesto, sia esso umano (pubblico) e ambientale (spazio). Attualmente sta portando avanti il progetto My house is a Le Corbusier, in cui abita le case del grande architetto in dodici nazioni. Drive è l'ultimo suo sviluppo, in relazione con diverse città a bordo di una Fiat 127 Special, ribattezzata Camaleonte per la sua capacità di cambiare colore in base alla location in cui si ferma. Nella performance, l'artista stesso guida l'auto in un tour di riflessione urbana e visioni fuori dal finestrino. Il video: Cristian Chironi, Bolzano Drive, 2020 sonoro / colore montaggio di Roberta Segata musiche : My sound is a Le Corbusier produzione : Museion Bolzano
  • Lunedì 21 Dic 2020
    Dipinti ad olio di piccolo formato Si vede che soprattutto nelle sue ultime tele Jette Christiansen è capace di creare con la natura morta un’atmosfera rarefatta, magica, estraniante: “natura morta” qui è l’espressione adatta, perché si tratta infatti di una realtà estratta dalla natura, di una messa in scena di oggetti combinati per contrastarsi o sovrapporsi come concetti, o rafforzarsi tra di loro. Il messaggio che ci viene trasmesso è dunque quello della transitorietà, proprio in senso barocco – simbologia perenne e ben chiara a tutti, che soltanto cerchiamo di bandire dal nostro immaginario attuale. È questa la chiave di lettura delle composizioni sapienti della pittrice che sembrano così facili da capire: simbolica, ad effetto surreale. Paul Klee : “L’arte non riproduce il visibile, ma rende visibile”. Edith Moroder