banner inside 01 it

Ricerca per:

3 mesi

Eventi

FOOD FESTIVAL BRIXEN
0
Others
Venerdì, 08 Lug 2022
L'evento si tiene dal 08 Lug 2022 al 10 Lug 2022

Era sempre un nostro desiderio e ora è giunto il momento di portare a Bressanone la varietà della cucina "street food". Il FOOD FESTIVAL BRIXEN entra nel suo primo turno dall' 8 al 10 luglio. E per noi è subito stato chiaro: si mangia anche con gli occhi! Abbiamo preso a cuore questo motto non solo con i nostri espositori alimentari, ma anche per quanto riguarda la scelta del luogo del festival. Food truck, cuochi appassionati e dilettanti si incontreranno per la prima volta quest' anno nei giardini Rapp a Bressanone e festeggeranno con noi un weekend indimenticabile. Siamo entusiasti della creatività dei singoli stand e non vediamo l'ora di divertirci con cibo di qualità. Il tutto è accompagnato da un programma musicale di 3 giorni. Abbiamo anche pensato ai più piccoli che verranno intrattenuti con un ricco programma per bambini. Il piacere per il palato, le orecchie e gli occhi quindi è assicurato. Vi aspettiamo!

Pietra & erbe selvatiche
0
Others
Venerdì, 08 Lug 2022 10:30

Ogni malattia… …si può curare con un’erba, così dice un proverbio tedesco. L’influenza delle erbe selvatiche, come si raccolgono, come si lavorano e come si usano: questo è il tema delle nostre escursioni “pietra e erbe selvatiche”. In modo di conservare il sapere dei nostri nonni e bisnonni

GEOPARC Bletterbach Lerch, 40, Aldino, BZ
Weekend padre-figlio in malga
0
Kids
Venerdì, 08 Lug 2022 14:30
L'evento si tiene dal 08 Lug 2022 al 10 Lug 2022

per padri e figli (da 5 anni) un’esperienza speciale in Val d’Ultimo. Immersione nel mondo dei contadini di montagna, giochi e divertimento per i bambini, scambio tra padri, escursione in una natura meravigliosa, cibo tradizionale. Venerdì 8 luglio 14:30 Partenza da Innerbirbach, trasferimento al rifugio „Schweinsteig“ (2.128 m), „Melcher Muas“ per la cena, giro di conoscenza. Sabato 9 luglio: mattinata per i padri: impulsi e scambi sul tema „Immagini dei padri nella Bibbia e oggi“ programma parallelo per i bambini: „Survival Skills“ per l’avventura della vita. Pomeriggio per padri e figli insieme: orientamento e spirito di squadra nella „Challenge“ natura selvaggia. Cena al fuoco, seguita da una serata intima con „Huangoascht“ per i padri. Domenica 10 luglio: escursione con Luis alla malga „Marschnelln“, ritorno alla Innerbirbach nel pomeriggio. relatori: Daniel Schulte & Simon Urschitz (VIVIT) Luis Gruber & Katharina Land Termine delle iscrizioni: 04.07.2022 Numero minimo di partecipanti: 6 Persone mass. 10 Persone Quota di partecipazione: Padre-figlio 150 €, ogni altro figlio 25,00 €. Vitto 50 € a persona. incl. accesso al rifugio, 2x pernottamento al rifugio, 2x colazione, 1x pranzo, 2x cena al rifugio, piccolo spuntino da zaino, guida escursionistica, viaggio. Cosa portare: sacco a pelo caldo, scarpe buone, abbigliamento antipioggia, zaino piccolo, borraccia, tazza, posate (no stoviglie usa e getta), coltellino, torcia, crema solare, kit per lavarsi, materiale per scrivere eventuali appunti.

rifugio Steinegg ..., , BZ
Weekend padre-figlio in malga
0
Kids
Venerdì, 08 Lug 2022 14:30
L'evento si tiene dal 08 Lug 2022 al 10 Lug 2022

per padri e figli (da 5 anni) un’esperienza speciale in Val d’Ultimo. Immersione nel mondo dei contadini di montagna, giochi e divertimento per i bambini, scambio tra padri, escursione in una natura meravigliosa, cibo tradizionale. Venerdì 8 luglio 14:30 Partenza da Innerbirbach, trasferimento al rifugio „Schweinsteig“ (2.128 m), „Melcher Muas“ per la cena, giro di conoscenza. Sabato 9 luglio: mattinata per i padri: impulsi e scambi sul tema „Immagini dei padri nella Bibbia e oggi“ programma parallelo per i bambini: „Survival Skills“ per l’avventura della vita. Pomeriggio per padri e figli insieme: orientamento e spirito di squadra nella „Challenge“ natura selvaggia. Cena al fuoco, seguita da una serata intima con „Huangoascht“ per i padri. Domenica 10 luglio: escursione con Luis alla malga „Marschnelln“, ritorno alla Innerbirbach nel pomeriggio. relatori: Daniel Schulte & Simon Urschitz (VIVIT) Luis Gruber & Katharina Land Termine delle iscrizioni: 04.07.2022 Numero minimo di partecipanti: 6 Persone mass. 10 Persone Quota di partecipazione: Padre-figlio 150 €, ogni altro figlio 25,00 €. Vitto 50 € a persona. incl. accesso al rifugio, 2x pernottamento al rifugio, 2x colazione, 1x pranzo, 2x cena al rifugio, piccolo spuntino da zaino, guida escursionistica, viaggio. Cosa portare: sacco a pelo caldo, scarpe buone, abbigliamento antipioggia, zaino piccolo, borraccia, tazza, posate (no stoviglie usa e getta), coltellino, torcia, crema solare, kit per lavarsi, materiale per scrivere eventuali appunti.

rifugio Steinegg ..., , BZ
Classic and More - DUO CECCHINI-RIZZO
0
Music
Venerdì, 08 Lug 2022 17:00

PROGRAMMA W.A. Mozart sonata K 304. Allegro Tempo di Menuetto L.v. Beethoven sonata n.5 “Frühlings- Sonate” op.24 Allegro A. Dvorak n.3 Allegro appassionato da 4 pezzi romantici A. Dvorak n.2 Allegro maestoso da 4 pezzi romantici P. Sarasate Romanza Andaluza J. Brahms sonata n.1 op. 78. Vivace ma non troppo Elisa Cecchini nasce a Trento il 14 gennaio 2003, inizia lo studio del violino a 9 anni e viene ammessa al corso pre accademico del Conservatorio F. A. Bonporti di Trento nella classe del prof P. Baldo. Il 2021 è un anno importante per Elisa con premi a 3 Concorsi Internazionali: 1 premio 9Th Competition music Palmanova, 1 premio assoluto con borsa di studio al Concorso “Città di Stresa” e 3 premio all’International Music Competition “Musica Goritiensis”. Nel 2021 ha partecipato come allieva effettiva al progetto Musintegraction del programma Erasmus in collaborazione con l’Accademia di Weimar per la masterclass con la M.a K. Ten Hagen, con la quale si è perfezionata presso il “Talent Music Summer Courses” 2021 di Brescia. Il vasto repertorio di Elisa spazia dalla musica barocca a quella contemporanea, includendo anche il jazz e la musica moderna, affiancando anche lo studio della danza. Attualmente è iscritta all’ultimo anno del Corso Triennale Accademico di violino nella classe del prof. A. Papapietro del Conservatorio Bonporti e frequenta il liceo Musicale di Trento. Suona su un violino della liuteria cremonese G.Arre‘ del 2010. Enrico Rizzo si è diplomato nel 2017 in pianoforte con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio di Trento con la prof.ssa Maria Rosa Corbolini. Nel dicembre 2020, sotto la guida del M° Massimiliano Mainolfi, ha conseguito la Laurea di Secondo Livello in Pianoforte con il massimo dei voti. Da dicembre 2017 si perfeziona in pianoforte presso la Fondazione Musicale Santa Cecilia di Portogruaro sotto la guida del Maestro Alessandro Taverna. Attualmente frequenta il Biennio di Musica da Camera presso il Conservatorio “F. A. Bonporti” di Trento nella classe del M° Giancarlo Guarino.

Haus Curtinie Via degli orti, Cortina s.s.d.v., BZ
Trauttmansdorff di sera
0
Music
Venerdì, 08 Lug 2022 18:00-23:00 |
L'evento si tiene dal 03 Giu 2022 al 26 Ago 2022

Nei venerdì a giugno, luglio e agosto, con ingresso serale ridotto i visitatori potranno godere dell'inconfondibile atmosfera delle sere d'estate. Da sperimentare in coppia o con amici! Negli appuntamenti "Trauttmansdorff di Sera", i Giardini coniugano specialità gastronomiche da leccarsi i baffi con musica e atmosfera di grande fascino. Cogliete l'occasione per gustare al Ristorante Schlossgarten squisite prelibatezze godendo di una magnifica vista sul giardino. Se invece preferite una serata più coinvolgente, il Cafè delle Palme farà per voi: nella rilassata atmosfera vicino al Laghetto delle Ninfee potrete sorseggiare un aperitivo ascoltando musica dal vivo (dal 17 giugno al 19 agosto). Nel caso in cui vogliate approfondire e conoscere più nel dettaglio i Giardini, potrete partecipare a una visita guidata che, con la luce soffusa della sera, vi mostrerà nuovi emozionanti panorami. Anche il Touriseum, ospitato all'interno di Castel Trauttmansdorff, rimane aperto fino alle ore 23.00 e vi invita a un alla scoperta di 250 anni di storia del turismo alpino.

I Giardini di Castel Trauttmansdorff Via San Valentino 51, Merano, BZ
Maia Music Festivals 2022 - Mark Forster
0
Music
Venerdì, 08 Lug 2022 20:00

Dopo lo spostamento di tanti grandi festival, anche il Maia Music Festival è stato spostato al 2022 Il concerto di Mark Forster sarà recuperato l’8 luglio 2022. Più di 50 concerti esauriti nel 2019: il musicista germanico Mark Forster approda a Merano sull’onda del successo nel 2019. Il cantante simpatico sa entusiasmare i suoi fans con uno show spettacolare piena di sorprese. Dopo un anno di pausa, nel 2021 Mark Forster riattacca con il suo Tour LIEBE sui palchi internazionali.

Ippodromo Via Palade 140, Merano, BZ
Classic and More - MONO GUITAR DUO
0
Music
Venerdì, 08 Lug 2022 20:30

PROGRAMMA Gioachino Rossini (1792-1868) Ouverture from “The Barber of Seville” (arr. Mauro Giuliani) Domenico Scarlatti (1685-1757) *Sonata K.30 *Sonata K.45 Mario Castelnuovo-Tedesco (1895-1968) Prelude and Fugue n.4 op.199 in E Major: -Andante mosso -Tempo di Bourée Prelude and Fugue n.10 op.199 in B flat Major -Alla Rumba -Alla Marcia Fryderyk Chopin (1810-1849) *Waltz op.69 n.2 Fryderyk Chopin *Prelude op.28 n.4 Isaac Albéniz (1860-1909) From the Suite “Iberia”: I Evocación II El Puerto Isaac Albéniz *Leyenda (Asturias) Manuel De Falla (1876-1946) Danza ritual del fuego (arr. Gruber-Maklar Duo) Marek Pasieczny (1980) Joyfully, with blustering from “Polish Sketches” Edvard Grieg (1843-1907) *Anitra’s Dance for 4 hands guitar * Mono Guitar Duo’s arrangement Il MoNo Guitar Duo si è formato nel 2017 con l’intento di unire due musicisti, già vincitori di importanti concorsi internazionali, che amano esplorare il repertorio musicale, affiancando anche propri arrangiamenti per Duo di chitarre. Particolare attenzione viene dedicata al repertorio italiano e polacco operistico e strumentale. Negli ultimi 4 anni hanno ottenuto grandissimo successo in numerosi Festival musicali in Europa (IBLA Grand Prize 2019, Solarino Guitar Festival 2020, Youngmasters Festival 2021). Acclamati anche da famosi artisti si esibiscono in Italia presso l’Auditorium Santa Cecilia a Roma, suonando le Ouverture di Rossini. Nel 2021 incidono il primo volume dell’opera omnia del compositore italiano Mario Castelnuovo Tedesco per l’etichetta giapponese Da Vinci Classics. Anna K. Nowicka e Giuseppe Molino vengono regolarmente invitati come docenti in vari Master Class.

Haus Curtinie Via degli orti, Cortina s.s.d.v., BZ
Die höchst beklagenswerte und gänzlich unbekannte Ehe von Ro
0
Theatre
Venerdì, 08 Lug 2022 21:00
L'evento si tiene dal 08 Lug 2022 al 26 Lug 2022

Die höchst beklagenswerte und gänzlich unbekannte Ehe von Romeo & Julia – ohne Tod kein Happy End Eine Komödie von Michael Niavarani sehr lange nach William Shakespeare. Regie Konrad Hochgruber Freilichttheater vor einer einzigartigen Kulisse: am Stiftsplatz vor der Engelsburg des Kloster Neustift der Augustiner Chorherrn. (wie schon vor 30 Jahren) Romeo und Julia sind nur deswegen das größte Liebespaar der Weltliteratur, weil sie nie miteinander leben mussten, sondern rechtzeitig gestorben sind. Im Falle unserer höchst beklagenswerten Komödie sind nicht die Liebenden gestorben, sondern die Liebe. Im fünften Akt von Herrn Shakespeares Tragödie endet die dreitägige Ehe von Romeo und Julia durch einen Brief, der nicht rechtzeitig ankommt. Der Tod der beiden ist also ein Irrtum. In unserer gänzlich unbekannten Ehetragödie entpuppt sich die ganze Ehe als Irrtum. Wo bleibt nach 30 Jahren Alltag die Romantik? Die Kinder sind aus dem Haus, die Geschäfte laufen gut und plötzlich tauchen eine alte Liebe und eine junge Schauspielerin auf, und allen Beteiligten schießt die Verliebtheit wieder ein! Sofort kommt es zu Lügen, Sex und Betrug, zu einem Fechtkampf zwischen zwei alten Neurotikern, einem finanziellen Ruin, einer jungen Liebe, einer verschmähten Liebe, einer verzweifelten Liebe, einer gestorbenen Liebe, einer erotischen Liebe und einer Liebe zu Kokosnüssen. Der Kabarettist, Regisseur und Autor Michael Niavarani schrieb eine klassische Verwechslungskomödie, die es in der Wortgewandtheit mit Shakespeare aufnimmt, ohne mit ihm zu konkurrieren. Eine Komödie von Michael Niavarani, sehr lang nach William Shakespeares Romeo und Julia. Denn wie sagt William Shakespeare selbst: Weise sein und lieben vermag kein Mensch!

Kloster Neustift Stiftstraße 1, Varna, BZ
The Sound of Music Algund
0
Music
Venerdì, 08 Lug 2022 21:00-23:00 |
L'evento si tiene dal 08 Lug 2022 al 10 Lug 2022

"Mozzafiato, speciale, potente": così descrive il direttore Richard Sigmund il concerto "Sound of Music Algund". L'8 e il 10 luglio, il pubblico può aspettarsi uno spettacolo sonoro presso la piazza delle feste a Lagundo. Solisti con successo internazionale e voci particolarmente impressionanti, portano in scena Highlights dell’operetta e del musical. A luglio, due speciali concerti di gala in piazza delle feste a Lagundo portano musica indimenticata a Lagundo. L'8 e il 10 luglio verranno rappresentate opere di operette e musical. Si inizia con note di operette di Johann Strauss, Franz Lehár, Emmerich Kálmán, Carl Zeller. La seconda parte sorprende con opere di noti musical da Bernstein a Lloyd Webber: "West Side Story", "My Fair Lady", "Cats", "Evita", "Phantom of the Opera" e molti altri. Per chi ama i musical e si perde nei timbri dell'operetta, questo è il posto giusto. Godetevi una serata piena di suoni, in mezzo di uno scenario montano impressionante. Sette giovani solisti famosi a livello internazionale, accompagnati da un ensemble strumentale di dieci elementi composto da archi, chitarra, basso elettrico e pianoforte, accompagneranno il pubblico in un viaggio emozionante sotto la direzione di Richard Josef Sigmund. – Un evento da non perdere! Già a Pasqua, la casa Thalguter ha avuto l'onore di ascoltare le voci di questi solisti come Loes Cools, Mirjam Gruber, Anle Gou, Anna L. Nardi, Yurie Takano, Xin Wang e Yuhanzhen Wang nel "Corona Requiem 2022" di Richard J. Sigmund. E adesso ancora una volta, gli ascoltatori ricevono la possibilità di ascoltare questi personaggi speciali.

Festplatz Algund, Thalguterhaus Hans-Gamper-Platz 3, Lagundo, BZ
8° Escursione cicloturistica
0
Others
Sabato, 09 Lug 2022 07:30

Manca ancora un mese e poi in Val Sarentino si svolgerà per l’ottava volta il tour ciclistico “Almrausch & Edelbike”. Numerosi mountain biker e soprattutto e-biker da vicino e lontano salteranno in sella e assaporeranno con gusto il panorama sarentinese. A questo evento unico nel suo genere, che si svolgerà sabato 9 luglio, non ci saranno competizioni: si tratterà unicamente di andare in mountain bike tra le Alpi Sarentinesi. Il tour Almrausch & Edelbike è adatto a (e-)mountain biker di ogni tipo, che vogliono semplicemente trascorrere una giornata in sella assieme a spiriti affini. Sono disponibili diversi percorsi con differenti gradi di difficoltà, tutti senza cronometraggio. Il tour Oro, lungo 49 chilometri con 2230 metri di dislivello, è adatto a esperti, anche se le cicliste e i ciclisti più incalliti potranno allungare il percorso con i 7 chilometri di tragitto e i 230 metri di dislivello aggiuntivi del tour Super Gold, che da sopra la malga Waidmann Alm li porterà al rifugio Kuhleiten con una ripida salita sul sentiero 19A e poi tornerà indietro. Oltre al tour Argento (44 chilometri/1765 metri di dislivello), è accattivante soprattutto il tour Bronzo. Il percorso più breve è lungo 33 chilometri, ha un dislivello di 1370 metri ed è molto adatto alle famiglie. Poiché nessuno dei percorsi ha carattere competitivo, è possibile e addirittura auspicabile fare una sosta presso le cinque strutture partecipanti – rifugio Kuhleiten, malga Kirchsteiger, malga Möltner Kaser, ristorante Lanzenschuster e malga Putzer Kreuz – rinfrescarsi e gustare il panorama scendendo dai pedali. Salite ripide, belle discese Lo scorso fine settimana è salito sui pedali anche Walter Perkmann, il direttore dell’Associazione Turistica Val Sarentino che organizza Almrausch&Edelbike assieme alla sezione ciclismo dell’associazione Amateursportclub Sarntal. Perkmann ha percorso il tracciato Oro ed è già in estasi. “Tutto il percorso è in buone condizioni. Anche la discesa dal rifugio Kesselberg al Giogo di Pietramala e in seguito lo stretto tratto attraverso la gola erosiva farà battere forte i cuori dei mountain biker tecnicamente più esperti. È una discesa di primissima qualità!”, afferma il capo del comitato organizzatore, che ha soltanto una cattiva notizia. “Quest’anno malga Waidmann Alm non può aderire come partner per ragioni di capienza, ma viene sostituita da malga Kirchsteiger.” Dopo il grande successo delle prime sette edizioni di Almrausch & Edelbike – l’ultima si era svolta nel 2016 –, anche quest’anno sono attese centinaia di partecipanti. “Per noi si tratta che ogni (e-)mountain biker possa assaporare con i suoi amici o la sua famiglia la giornata tra le nostre leggendarie montagne e che anche settimane dopo possa essere entusiasta di Almrausch&Edelbike e delle Alpi Sarentinesi”, afferma Perkmann. Al termine del tour ciclistico sarentinese l’evento si concluderà a Sarentino, in piazza della posta. Alla festa “Almrausch & Edelbike Feschtl” i partecipanti saranno viziati dai piatti prelibati del ristorante-pizzeria Post e dalla vivace musica live del gruppo “Die Bergdiamanten” e potranno brindare a una bella giornata in mountain bike. Chi vuole risparmiare presti attenzione: a partire dal 26 giugno aumenteranno le quote d’iscrizione. Gli adulti pagheranno 40 euro anziché 30, mentre i costi per bambini e ragazzi saliranno da 20 a 25 euro. Per iscriversi bisogna versare la quota d’iscrizione (30 € per gli adulti e 20 € per bambini e ragazzi fino ai 18 anni – nati dal 2004 in poi) sul conto della Cassa Raiffeisen di Sarentino intestato all’Associazione Turistica Val Sarentino (IBAN: IT 48 L 08233 58870 000300001503). Come causale vanno indicati nome e cognome, anno di nascita e la dicitura “8. Almrausch & Edelbike”. Tutti i partecipanti riceveranno un ricco pacco gara che conterrà come regalo una borraccia appositamente prodotta con sovrimpresso il logo “Almrausch & Edelbike” e un buono per cibo/bevande che potrà essere utilizzato a scelta in più malghe. Almrausch & Edelbike – facts: Sabato 9 luglio 2022 Partenza e arrivo: piazza della posta a Sarentino Ritiro pacchi gara e iscrizioni in giornata: dalle ore 7.30 alle 10.00 Possibilità di partire: dalle ore 8.00 alle ore 10.00 Parcheggi: parcheggio principale (piazzale autobus) Sarentino, (a 400 m dall’area di partenza/arrivo) grande parcheggio in via Ronco (a 500 m dall’area di partenza/arrivo)

Famlienwanderung zur Jaufenburg
0
Art & Culture
Sabato, 09 Lug 2022 17:00-18:30 |
L'evento si tiene dal 09 Lug 2022 al 31 Lug 2022

Eine Abend-Führung zur Jaufenburg Ruine. Ausgehend vom Ortszentrum St.Leonhard wird die Jaufenburg erwandert. Dabei gibt es spannende Geschichten rund um die Burg und deren Burgbewohner zu hören! Mit Anmeldung, Start TV St. Leonhard, 5 Euro Aufpreis pro Familie

MuseoPassiria via Passiria, 72, San Leonardo in Passiria, BZ
Jenaer Philharmonie Simon Gaudenz, direttore
0
Music
Sabato, 09 Lug 2022 18:00-21:00 |

L'Orchestra Filarmonica di Jena ed il suo direttore generale Simon Gaudenz arricchiscono l’offerta musicale in Germania e in Europa grazie a idee innovative e brillanti e a repertori musicali accattivanti. In programma la Sinfonia n. 5 di Gustav Mahler con il famoso Adagietto. Sarà eseguito per la prima volta in Italia l’ultimissimo brano scritto da Scartazzini nel 2022 - “Einklang” che riconduce alla Sinfonia n. 5 di Mahler.

Claudio Bonavida Trio
0
Music
Sabato, 09 Lug 2022 19:00-23:00 |

Il giovane ed appassionato "Claudio Bonavida Trio" propone un repertorio ricco di brani originali e cover con un sound più completo ed energico. I brani sia internazionali che italiani spaziano dal pop, al soft rock, blues, reggae, fino al funk. Claudio Bonavida - Chitarrista e voce Luca Mapelli - Batteria Nicola Cattoi - Basso Non vediamo l'ora di vedervi!

Palm Lounge by Hotel Therme Meran Piazza Terme 1, Merano, BZ
0
Music
Sabato, 09 Lug 2022 21:00

L’associazione Circolo Artistico e Culturale di Ortisei è lieta di presentare il concerto "Paintings" - Federico Ruzza Il concerto si terrà venerdì, il 09.07.2022 alle ore 21:00 nella sala del Circolo Artistico e Culturale - Ortisei Ingresso: donazione volontaria Federico Ruzza è un cantautore padovano del 1995. "Paintings" è Il suo primo album, pubblicato ad aprile 2022. Il titolo richiama la forte componente visiva delle canzoni, in cui la narrazione si svolge attraverso sequenze di immagini evocate da musica e testi. "Paintings" è un disco di matrice folk-rock, in cui si ritrovano anche elementi blues, soul, e qualche slancio sperimentale, fusi assieme a generare una miscela inedita. Per l'occasione Federico Ruzza sarà accompagnato da Lucia Toffanin (voce, tastiera) e Sebastiano Nalin (chitarra).

Circolo Artistico e Culturale - Ortisei Piazza S. Antonio 102, Ortisei, BZ
L'edema dla geologia - La settimana geologica
0
Others
Domenica, 10 Lug 2022 10:00-22:00 |
L'evento si tiene dal 10 Lug 2022 al 15 Lug 2022

Ammirare e scoprire le Dolomiti come mai le avete viste! Vi siete mai chiesti quanti anni ha il Sas dla Crusc? E riuscite a immaginare le Dolomiti prima come un arcipelago tropicale e poi come un’ampia pianura costiera percorsa dai dinosauri? Avete voglia di viaggiare nel tempo attraverso milioni e milioni di anni insieme a noi? Partecipate alla settimana geologica, il festival dedicato alle Geoscienze, e troverete una risposta a tutte le domande, anche a quelle che non potete nemmeno immaginare. In calendario un susseguirsi di appuntamenti giornalieri rivolti a un pubblico di tutte le età all’insegna della scoperta della grande geodiversità delle Dolomiti. Programma dettagliato presso gli uffici turistici dell'Alta Badia. Durante l’evento possono essere effettuate foto e riprese video per finalità di documentazione e promozione dello stesso e del comprensorio. Le riprese potranno essere utilizzate e pubblicate sui siti web, sui social network e nei media nel rispetto della normativa sulla privacy.

Geologische Wanderung mit Dr. Evelyn Kustatscher
0
Others
Domenica, 10 Lug 2022 10:00

Mit der Expertin unterwegs… sind Sie bei dieser Wanderung mit der Paläontologin des Naturmuseum Südtirol, Evelyn Kustatscher. Die Südtiroler Wissenschaftlerin hat sich mit ihrer Forschungsarbeit auf dem internationalen Parkett einen Namen gemacht und kennt die Bletterbachschlucht so gut wie ihre Westentasche. Während dieser Exkursion wird sie aber nicht nur Wissenswertes über die Gesteine und die Funde der Schlucht verraten, sondern auch Einblick in ihre spannende Arbeit geben, über aktuelle Forschungsprojekte berichten und die neuesten Entdeckungen verraten…

GEOPARC Bletterbach Lerch, 40, Aldino, BZ
Tiroler Jugendsinfonieorchester Vito Cristofaro, direttore
0
Music
Domenica, 10 Lug 2022 18:00-21:00 |

In occasione del 30esimo anniversario della “Tiroler Musikschulwerk”, l'associazione delle scuole di musica del Tirolo/TMSW, viene realizzato un incomparabile progetto di cooperazione con il Conservatorio del Tirolo, l'Università Mozarteum di Salisburgo/sede distaccata di Innsbruck e le scuole di musica del Tirolo. Sotto la guida di docenti esperti viene studiata e messa a punto la maestosa Sinfonia n. 1 di Gustav Mahler. Ad eseguire la sinfonia a Dobbiaco sarà Vito Cristofaro, un giovane direttore d'orchestra italiano che è vicedirettore musicale generale allo Staatstheater Oldenburg e che ha già lavorato con successo con l'Orchestra giovanile tirolese in diverse occasioni. L'orchestra sarà rafforzata da insegnanti della TMSW e da docenti associati.

Northell
0
Theatre
Domenica, 10 Lug 2022 19:00

La maschera di Bolzano con Salvatore Cutrì, Thomas Rizzoli, Emilia Piz, Rossana Mantese, Matteo Campagnol regia Michele Modesto Casarin drammaturgia Marco Gnaccolini costumista Elena Beccaro produzione Cooperativa 19 e Teatro Cristallo con il finanziamento dell’Assessorato alle Politiche Sociali, al Tempo libero e allo Sport della Città di Bolzano e dell'Ufficio Politiche Giovanili della Provincia Autonoma di Bolzano Intrecciando le antiche leggende delle Dolomiti si racconta una nuova storia di origine di un personaggio-maschera, il Northell, un giovane minatore che diventa un demone per salvare la sua innamorata Delibana dalla prigione nella mitica miniera di Auramen. Aiutato da un giovane diacono guerriero, da Arlecchino - re di tutte le maschere - e dei demoni, formerà un corteo di “caccia selvaggia” che, di paese in paese, punirà l'avarizia, l'egoismo e la sopraffazione a scapito dei più deboli. Uno spettacolo propedeutico all’ideazione di un’originale maschera della città di Bolzano. Progetto La maschera di Bolzano PARTECIPA ALLA CREAZIONE DELLA PRIMA MASCHERA DELLA CITTA' DI BOLZANO Visita il sito www.lamascheradibolzano.com I biglietti saranno acquistabili a partire dal 07/06 a questo link https://www.midaticket.it/eventi/teatro-cristallo-bolzano ATTENZIONE: in caso di pioggia lo spettacolo si terrà il giorno successivo.

CINECONCERTO: Massimo Zamboni VS Dracula
0
Cinema
Domenica, 10 Lug 2022 21:00

Il mitico Bela Lugosi, protagonista assoluto della pellicola, nella sua forzata migrazione verso gli Stati Uniti, scappando dalla Rivoluzione ungherese, s’imbarcò proprio a Trieste su un piroscafo che gli fece scavalcare l’Atlantico verso la terra promessa. Il suo avventuroso viaggio per mare è assimilabile a quello del conte Dracula alla volta di Londra. Il mito stesso del vampiro nel mondo contemporaneo è più cinematografico che letterario; a renderlo un’icona immortale è stato, non tanto il testo di Stocker, ma lo sguardo profondo, lampeggiante e diabolico di Lugosi, l’ombra torva e inquietante di Max Schrek nel Nosferatu di Murnau (1922) e l’orrendo mistero di Vampyr di Dreyer (1931). Proprio negli stessi giorni dell’esibizione di Zamboni al Miela, nei circuiti D’Essai italiani girava una versione restaurata in 4k del classico di Carl T. Dreyer a cura del Cinema Ritrovato di Bologna. Il Zamboni Trio ha perfettamente indovinato un ritmo ossessivo e monotono per accompagnare le immagini patinate e pittoriche della pellicola di Browning che fin da subito appare come una favola da palcoscenico allo stesso tempo notturna e brillante. La sceneggiatura, infatti, approvata dagli eredi di Stoker, fu un adattamento dello spettacolo che dal 1924 furoreggiava sui palcoscenici di Broadway. Non è stato un semplice lavoro di sonorizzazione, Zamboni ha deciso di suonare sulle immagini, anzi, con esse, azzerando il volume originale, isolando solamente alcune frasi significative e inglobandole nel flusso sonoro come fossero voci di un incubo, ricordi lontani di un naufragio, l’eco di uno sparo. “Bela Lugosi’s Dead” dei Bauhaus è uno dei brani più importanti del panorama post-rock cui fecero riferimento le band di cui Zamboni fu mente creativa. I CCCP, i CSI e tutto ciò che ne consegue furono profondamente influenzati da certe atmosfere dalle quali scaturirono le loro più feconde “immaginazioni” attraverso la musica. Non c’è bisogno di dire che i Bauhaus trassero ispirazione per il loro celeberrimo brano proprio dal film di Tod Browning, per Zamboni, insomma, l’esibizione del Miela è stata una specie di “ritorno a casa” anche perché, come lui stesso ha dichiarato, da ragazzo scoprì la propria passione per il cinema frequentando la Cappella Underground, una delle istituzioni cinematografiche storiche della città giuliana. Lo stesso chitarrista durante la proiezione ci introduce al percorso artistico che lo ha condotto dalle nebbie padane ai fumosi club berlinesi degli anni ‘80 fino alla luce di questi ultimi anni in cui la sua ispirazione non solo di musicista, ma anche di scrittore, poeta, didatta e scultore di parole sembra moltiplicarsi e riflettersi in mille significativi frammenti. Tra le soluzioni ambient, noise e punk/gothic perfettamente in linea con i contenuti della pellicola, sono stati principalmente due brani a far da guida agli spettatori. Il primo riportava i versi più dolci di “Curami” dei CCCP edita nel seminale Affinità e Divergenze (1986) “Prendimi in cura da te, Prendimi in cura da te, Curami, Curami, Curami, Che ti venga voglia di me, che ti venga voglia di me” che giocando un po’ con alcune seduzioni letterarie e cinematografiche sarebbero state bene anche alla piccola feroce vampira dell’inquietante romanzo horror di Lindqvist e dell’altrettanto angoscioso film di Alfredson (2008). Il secondo, quelli ancora più rarefatti e atmosferici, di “A ora incerta” che fa parte di uno splendido album inciso con la “cant-attrice” Angela Baraldi (2013) che meravigliosamente lo accompagna in tante avventure, in sala di incisione e on stage, negli ultimi anni. Il testo sembra scritto apposta per evocare le lugubri atmosfere del film di Browning e si sposa benissimo con gli sguardi tetramente ipnotici del Dracula di Lugosi che sono come: “Sogni che fanno urlare, scadono in ombre chiare, ora che lentamente s’alza. Scalata nella gola, cercare la parola, scarna gentilmente franca, un’infinita compressione precede lo scoppio, un’infinita compassione…” La proverbiale irruenta grazia del chitarrista emiliano si sommava alle trovate ritmiche e sonore del percussionista Simone Benvenuto che tesse sopra le immagini una trama di suggestioni sonore davvero intriganti facendo risuonare anche una tavola di legno e sfregando una lamina di metallo con un archetto da violoncello. Non da meno l’estro e la fantasia del tastierista e sound designer Cristiano Roversi in una continua serie di rimandi, evocazioni e indicazioni di una realtà onirica elettroacustica. Di certo le composizioni eseguite non possono essere considerate una mera colonna sonora di semplice accompagnamento o commento alla pellicola di Browning. La suite eseguita dal trio ha caratteristiche proprie che la emancipano dalla funzione di sostrato sonoro. Pellicola e sonorizzazione in questo caso si confrontano in parallelo diventando due opere d’arte che si compenetrano, interagiscono ma non si confondono e nemmeno sovrappongono. Questo è un tratto distintivo delle composizioni di Zamboni che ha una lunga esperienza sia nella musica da film che in quella per gli spettacoli teatrali propri e altrui. Il chitarrista è propriamente uno scultore di paesaggi e da decenni ne da continuamente prova nelle sue calligrafie letterarie e sonore; tra i suoi polpastrelli e le corde delle sue tastiere s’insinua, fino a rendersi udibile, la polvere del tempo e del viaggio. I fotogrammi della pellicola scorrono sinuosi e affascinanti sullo schermo alle spalle dei musicisti. Non si tratta certo di un capolavoro e nemmeno del miglior film di Browning ma di certo ha segnato la storia del cinema e il nostro immaginario con immagini che sono diventate assolutamente iconiche, incise per sempre nella memoria di ognuno di noi. Niente in comune con la Sinfonia delle tenebre del Nosferatu di Murnau (1922) o con l’esoterismo surrealista del Vampyr di Dreyer (1932) già citato più sopra. La pellicola di Browning è un adattamento cinematografico di uno spettacolo teatrale del 1924 in cartellone a Broadway con grande successo da quasi un decennio. Assolutamente memorabili e sbalorditive ancora oggi alcune sequenze con i fondali dipinti a far da scenografia per evocare le aspre montagne dei Carpazi oppure quelle che riguardano le mogli del vampiro che sorgono dalle bare e vanno incontro al giovane avvocato Renfield che si occupa di transazioni economiche. L’intento è quello di cibarsene, ma per primo ne approfitta il Conte che ne fa un sol boccone per poi ipnotizzarlo e servirsene proprio come un burattino. Molto suggestivo, completamente fantastico e irreale il maniero del conte i cui interni sono anch’essi costruiti di quinte di cartone con disegni ispirati alle opere di Piranesi. La scena poi si sposta sulla nave che porta il conte Dracula in incognito verso Londra, esattamente come nel romanzo. Il trasporto è sorvegliato dal giovane avvocato, ormai completamente pazzo e asservito al proprio padrone vampiro. Alcune inquadrature che lo ritraggono nella sua follia colpiscono lo spettatore nel profondo, regalando attimi di puro stordimento. Seguono le vicende, a tutti ben note, che portano il conte ad invaghirsi della bella Mina e il professor Van Helsing a piantare un paletto di frassino nel petto del vampiro liberando il mondo dalla sua ferale presenza. Naturalmente, la presenza e l’interpretazione di Lugosi si fanno ancora notare ma in certi momenti alla nostra sensibilità appaiono quasi grottesche e caricaturali, abituati come siamo a quasi cento anni di parodie e rifacimenti. Quel Dracula è ormai solo un signore azzimato con un aria un po’ flanè e decadente mitteleuropea. Trieste in una sera di un inverno dalle temperature miti, con il mare a pochi passi dal teatro, di una consistenza che appariva oleosa senza nessuna increspatura per l’assenza di vento e la misteriosa oscurità del suo orizzonte marino punteggiato al largo dalle luci lontane delle navi da carico in rada è stato proprio il luogo ideale per la proiezione concerto. La musica di Zamboni e dei suoi musicisti ha saputo sottolineare perfettamente quella che è stata un’esperienza cinematografica di ampio respiro, sempre più rara ormai in questo nostro mondo di piattaforme streaming e di quarantene sul divano di casa davanti ai maledetti devices che succhiano dai nostri occhi tutta l’attenzione e svuotano le nostre vene da ogni volontà, soggiogando il nostro desiderio. Per fortuna ancora niente può sostituire l’immenso piacere di vedere un film sul grande schermo in un bel teatro con straordinari musicisti che danno il meglio di se per poi fare una romantica passeggiata lungo le rive del mare, sotto le stelle, fino alla piazza più bella d’Italia. Flaviano Bosco © instArt

Agnes Palmisano, voce Maciej Golebiowski, clarinetto Alexand
0
Music
Lunedì, 11 Lug 2022 18:00-21:00 |

Agnes Palmisano ha preparato un programma - con il clarinettista Maciej Golebiowski e il bajanista Alexander Shevchenko - in cui amore e desiderio, nascita e morte, gioia e dolore conducono una pacifica convivenza. Palmisano si è fatta un nome soprattutto come profonda conoscitrice e interprete della coloratura dello jodel viennese: La sua voce è un vero e proprio fuoco d'artificio di colori ed emozioni e attraversa alti e bassi con virtuosismo e flessibilità. Le sue inclinazioni e passioni, tuttavia, sono molto più ampie - con i suoi due partner musicali, che da tempo si sono affermati come specialisti del crossover, scruta gli scrigni e scopre tesori musicali dalle mille sfaccettature - musica ebraica, jodel alpino, dudler/jodel viennese, lieder di Gustav Mahler, melodie jazz etc.

Fondazione Provincia
Risultati 151 - 175 di 436