banner inside 01 it

Ricerca per:

3 mesi

Eventi suggeriti

Life Chronicles of Dorothea Ïesj S.P.U. Finissage della most
0
Partyzone
Venerdì, 23 Feb 2024 19:00

Finissage della mostra HOPE A cura di ALMARE in collaborazione con Museion Art Club Museion -1 In occasione del finissage della mostra HOPE, Museion presenta l’opera video integrale intitolata Life Chronicles of Dorothea Ïesj S.P.U. del collettivo ALMARE. Il film, già parte della mostra e visibile in versione ridotta a Museion Passage, è un audioracconto sci-fi in tre capitoli con sottotitoli video, filmato a partire da stampe tipografiche a caratteri mobili, che racconta le avventure della ricercatrice Dorothea Ïesj e le sue peripezie nell’estrarre (e rivendere) suoni del passato. Completano la serata un talk di introduzione al film con ospiti ALMARE e Radio Papesse e a seguire un live set dell’artista e producer inglese Rian Treanor e dj set del duo torinese VIBRISSE. Scritto e diretto da ALMARE, l’audioracconto è curato da Radio Papesse, promosso in collaborazione con Timespan e realizzato grazie al sostegno della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura nell’ambito di Italian Council (2022), il programma di promozione internazionale dell’arte contemporanea italiana. Al termine della mostra HOPE, il lavoro verrà acquisito da Museion, primo museo a presentarne la versione integrale. Ambientato in una società immaginaria, Life Chronicles of Dorothea Ïesj S.P.U. segue le avventure della ricercatrice Dorothea Ïesj e le sue peripezie nell’estrarre (e rivendere) suoni del passato. Grazie a una tecnologia chiamata ECHO, le è possibile analizzare le onde sonore incise nei secoli su ogni superficie. ECHO restituisce le tracce audio impresse nella materia, permettendo di recuperare qualsiasi suono. Dorothea Ïesj riceve una borsa di studio finanziata dall’industria bellica e dalla potente associazione universitaria “Societas Paleoacusticæ Universalis”, meglio nota come S.P.U., per analizzare reperti sonori legati ad azioni militari, che lei poi contrabbanda insieme a un gruppo di colleghi. Il lavoro trae spunto dalle teorie pseudo-scientifiche sviluppate nell’800, contestualmente alle nascenti tecnologie di registrazione; in particolare, la teoria dell’archeoacustica ipotizzava la possibilità di rintracciare fenomeni sonori del passato rimasti “incisi” nella materia. Life Chronicles of Dorothea Ïesj S.P.U. indaga il legame tra capitalismo dei dati, tecnologia e creazione di valore, riflettendo sull’uso di artefatti archeologici, archivi e memoria come strumenti di potere e controllo. Scritta in una lingua retro-futurista che mescola italiano antico e contemporaneo, Life Chronicles Of Dorothea Ïesj S.P.U. si colloca alla frontiera dei formati radio, cinema e letteratura, in un genere ibrido che ha una lunga tradizione nell’ambito del cinema e dell’arte. Nel contesto della mostra HOPE, al piano terra, sono esposti tre estratti del lavoro e la locandina del progetto, elaborata assieme al graphic designer Giordano Cruciani. Programma: - 19.00?talk introduttivo al film con la partecipazione di ALMARE e Radio Papesse, a seguire la proiezione integrale del film (durata circa 80 min.)? - 21.45 live di Rian Treanor e a seguire dj set di Vibrisse? ALMARE Fondato a Torino nel 2017 da Amos Cappuccio, Giulia Mengozzi, Luca Morino e Gabbi Cattani, ALMARE è un collettivo artistico-curatoriale che si dedica alle pratiche contemporanee che utilizzano il suono come mezzo espressivo. ALMARE lavora a cavallo tra pratiche artistiche e curatoriali, tramite scrittura, ricerca collettiva, produzione sonora e musicale, organizzazione di concerti, performance lecture, talk e mostre. Nel 2020, ALMARE inaugura la produzione dell’audioracconto Life Chronicles Of Dorothea Ïesj S.P.U. Nel 2021 contribuisce a fondare il progetto di rete The Listeners, di cui fa parte insieme a Metamorfosi Notturne e Cripta 747. Radio Papesse Radio Papesse è una web radio e un archivio audio online specializzato in arte contemporanea. Fondata nel 2006 e curata da Ilaria Gadenz e Carola Haupt, produce e distribuisce documentari e interviste; utilizzando la radio come strumento artistico e come linguaggio, Radio Papesse lavora con musei e istituzioni culturali per parlare di processi e pratiche artistiche contemporanee. Ospita e commissiona lavori sonori e radiofonici sperimentali invitando artisti e audio maker a rinnovare le regole del broadcast e della narrazione audio. Tra il 2018 e il 2020 è stata associate researcher di Pratiques d’Hospitalité – Platform for critical research and political imagination, ed è membro del comitato scientifico del Centro di Ricerca Interdipartimentale in Radiofonia di UNIRSM- Università di San Marino. Rian Treanor Rian Treanor reimmagina l’intersezione tra club culture, pratiche artistiche sperimentali e computer music, presentando un universo musicale intenso e avvincente. Dopo una serie di pubblicazioni su Arcola, sub-label di The Death of Rave e Warp, con il suo album di debutto “ATAXIA” per Planet Mu (2019) si posiziona tra le voci più rilevanti della scena underground britannica. Il suo ultimo album “File Under UK Metaplasm” trae ispirazione dalla residenza presso il Boutique Studio del collettivo Nyege Nyege a Kampala nel 2018. La musica di Treanor incorpora le basse frequenze tipiche della sua città natale Sheffield quanto dell’energia enigmatica assimilata dal contatto con il Footwork e il Singeli tanzaniano. VIBRISSE VIBRISSE è un progetto a due teste di base a Torino che lavora attraverso selezioni frenetiche e imprevedibili sulla demolizione di qualsiasi tipo di separazione tra generi musicali, persone ed emozioni, concentrandosi su hardcore ad alti BPM ma incorporando allo stesso tempo influenze dalla scena club digitale contemporanea. Sulla pista da ballo il duo crea esperienze euforiche dove pezzi provenienti da tutto lo spettro hardcore (uptempo, frenchcore, j-core , gabber, makina) si incontrano con insospettabili hit prese da altri stili altrettanto movimentati (slowstyle, EDM, 160 club, donk). Museion Art Club è la principale attività di Museion Art Club Forum ed è dedicata all’accelerazione della cultura urbana in Alto Adige. Museion Art Club è un incubatore e amplificatore che incoraggia interazioni fondamentali e indipendenti tra il museo, le e i changemaker urbani, offrendo spazio, visibilità e possibilità di fare rete. L’evento è realizzato con il sostegno dei Museion Private Founders e il Patrocinio del Comune di Bolzano. Il film Life Chronicles of Dorothea Ïesj S.P.U. è un progetto di ALMARE, promosso e curato da Radio Papesse, in collaborazione con Timespan. Il progetto è realizzato grazie al sostegno della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura nell’ambito di Italian Council (2022), il programma di promozione internazionale dell’arte contemporanea italiana.

ALLA RICERCA DI EVELINE
0
Theatre
Venerdì, 23 Feb 2024 20:45

Gruppo Teatrale La Cricca - Taranto ovvero CE NE SAPE MAGNINE D’U FIASCHE DE L’OLIJE Commedia in dialetto pugliese Due atti di Aldo L’Imperio Regia di Aldo L’Imperio La storia narra, in maniera surreale e divertente, di tre persone che rimangono alcune ore, imprigionati in un ascensore di una palazzina poco frequentata nei week-end per la presenza di molti uffici. Il linguaggio, i modi di dire, le nevrosi e le complicità di coppia, saranno il motivo dominante della pièce nella quale molti spettatori potranno riconoscersi e sorriderne.

Teatro dei Filodrammatici Passaggio scolastico Maria Damian, Laives, BZ
„SIR“ OLIVER MALLY’s ITALIAN JOB (GB/I)
0
Music
Venerdì, 23 Feb 2024 21:30

“Sir” Oliver Mally - guitar, voice Michele Borsoi - piano Mauro Tolot - bass Vincenzo Barattin - drums "Sir" Oliver Mally è senza dubbio uno dei più importanti e conosciuti musicisti blues austriaci. Ha suonato in migliaia di concerti con i Blues Distillery, l'Oliver Mally Group e con collaboratori come Ian Siegal, Roberto Luti e Steve James. La sua versatilità e bravura gli hanno valso numerosi riconoscimenti, tra cui "Best Blues Artist" dalla rivista Concerto e "Blues Album of the Year" dalla rivista Bluesnews.

Laurin Bar&Bistro via Laurin 4, Bolzano, BZ
Mad Puppet (BZ): „44“
0
Music
Giovedì, 29 Feb 2024 20:00

Manfred Schweigkofler: voice Manni Kaufmann: keyboard Christoph Senoner: guitar Thomas Anton Pichler: bass Michael Mock: drums 44 è il titolo dello spettacolo con cui i Mad Puppet sono in tour nel 2024. 44, perché la band ha suonato il suo primo concerto 44 anni fa - nel 1980 - e da allora ha pubblicato 44 composizioni originali in lingua inglese. Il tour è una sorta di raccolta dei migliori brani proposti in decenni di attività musicale, oltre ad alcuni pezzi che i cinque musicisti non suonavano da oltre 20 anni. I Mad Puppet sono stati una delle prime band in Alto Adige a suonare Progressive Rock e a comporre brani originali. "Era insolito all'epoca, abbiamo fatto il nostro primo disco a 18 anni", si stupisce il chitarrista e co-fondatore Christoph Senoner. "Suona sempre allo stesso modo eppure sempre diverso", afferma Tom Pichler, ora mente musicale della band, bassista, che ha visto i Mad Puppet negli anni '80 come spettatore durante un concerto e ha poi deciso che voleva fare qualcosa del genere. Solo pochi mesi dopo era il nuovo bassista della band. "Ma non vogliamo solo suonare una canzone dopo l'altra", spiega il cantante Fred Schweigkofler, "vogliamo trascinare il pubblico in un viaggio attraverso 50 anni di storia della musica; raccontare perché abbiamo suonato come abbiamo suonato, quali temi si affrontano nel ProgRock, come si arriva a comporre canzoni del genere; praticamente facciamo sì che il pubblico guardi oltre le nostre spalle." Immergersi nella storia sarà sicuramente interessante per il pubblico, soprattutto per i giovani fan del rock. Perché i Mad Puppet sono già oggi leggende viventi!

Piccolo Teatro Carambolage Via Argentieri 19, Bolzano, BZ
RICK MARGITZA & ELIO COPPOLA TRIO (USA/I)
0
Music
Venerdì, 01 Mar 2024 21:30

Rick Margitza - saxophone Enrico Zanisi - piano Antonio Napoletano - bass Elio Coppola - drums Rick Margitza ha suonato e/o registrato con McCoy Tyner, Bobby Hutcherson, Tony Williams, Eddie Gomez, Chick Corea, Maria Schneider, Dave Douglas e Miles Davis. I suoi 10 album da leader testimoniano lo sviluppo del suo stile e la sua crescita come compositore.

Laurin Bar&Bistro via Laurin 4, Bolzano, BZ

Eventi

Die Chaosschwestern und Pinguin Paul
0
Kids
Venerdì, 23 Feb 2024 16:00-
L'evento si tiene dal 16 Feb 2024 al 01 Mar 2024

DE/BE/IT 2023, 91 Min. Regie: Mike Marzuk mit: Max Giermann, Momo Beier, Janine Kunze Die Schwestern Livi, Tessa, Malea und Kenny könnten kaum unterschiedlicher sein. Aus diesem Grund versuchen sie, sich möglichst aus dem Weg zu gehen. Doch als der tanzende Pinguin Paul bei ihnen zu Hause auftaucht, ändert sich alles. Paul wurde aus dem Zoo entführt und sucht nun bei den Schwestern Hilfe. Für Livi, Tessa, Malea und Kenny ist schnell klar, dass sie ihren neuen tierischen Freund beschützen und in den Zoo zurückbringen werden. Empfohlen ab 8 Jahren

Filmclub Dr.-Streiter-Gasse 8/d, Bolzano, BZ
Sostenibilità e consapevolezza ambientale
0
Art & Culture
Venerdì, 23 Feb 2024 09:00-19:00 |
L'evento si tiene dal 05 Feb 2024 al 29 Feb 2024

Esposizione di libri nella sala di lettura - febbraio 2024 Le nostre decisioni e azioni quotidiane non hanno solo un impatto immediato sul nostro ambiente, ma plasmano anche il mondo dei nostri figli e delle generazioni future. Il fatto che consumiamo annualmente le risorse di 1,7 Terre (https://overshoot.footprintnetwork.org sottolinea l'urgente necessità di un cambiamento di mentalità e di azioni concrete. Ogni individuo è chiamato e ha la possibilità di rivedere e adattare il proprio atteggiamento e stile di vita in termini di sostenibilità, perché il vero cambiamento inizia su piccola scala. I libri esposti nella Sala Lettura a febbraio trattano vari aspetti della sostenibilità e della consapevolezza ambientale: dall'architettura innovativa in legno all'agricoltura urbana e all'economia circolare, dalla riparazione e dal fai-da-te alla micromobilità, agli uffici verdi e alla cucina rispettosa del clima. I media selezionati rimarranno esposti nella Sala lettura fino alla fine di febbraio e possono essere presi in prestito.

Landesbibliothek Dr. Friedrich Teßmann Landesbibliothek Teßmann - Armando-Diaz-Straße 8, Bolzano, BZ
Visita guidata alla distilleria Unterthurner
0
Others
Venerdì, 23 Feb 2024 10:00-11:30 | 15:30 - 17:00
L'evento si tiene dal 05 Gen 2024 al 27 Dic 2024

Visita guidata alla distilleria privata Unterthurner ogni mercoledí alle ore 15:30 e ogni venerdí alle ore 10. Prenotazione, tel. 0473 447186 oppure www.unterthurner.it/privatbrennerei/besichtigung.html. Contributo spese 20 Euro (15 € con registrazione). ©Privatbrennerei Unterthurner

Marlengo Via Anselm Pattis 14, Marlengo, BZ
Incontro DIGGY
0
Others
Venerdì, 23 Feb 2024 15:00-18:00 |
L'evento si tiene dal 12 Gen 2024 al 14 Giu 2024

Aiuto e consigli nell’utilizzo di servizi e media digitali – DIGGY riparte nella Biblioteca Civica di Vipiteno Date: 19 gennaio 2024 – 13 giugno 2024; ogni venerdì (tranne il 13 giugno 2024 che si terrà di giovedì), dalle ore 15 alle ore 18 Non avrà luogo il 02 febbraio, il 22 marzo, il 29 marzo, il 26 aprile e il 24 maggio 2024 Luogo della manifestazione: Biblioteca Civica di Vipiteno, Via Dante 9, 39049 Vipiteno Organizzatore: Volkshochschule Südtirol, Cooperativa per la formazione del SBB, KVW Bildung DIGGY – l'appuntamento con il digitale – torna in biblioteca il 19 gennaio 2024, sempre di venerdì (tranne giovedì 13 giugno 2024), dalle ore 15 alle ore 18. Un esperto della Volkshochschule Südtirol è disponibile direttamente in biblioteca per aiutare tutti coloro che hanno problemi con registrazioni online, con il loro smartphone o tablet o che hanno altre domande digitali. L’utilizzo e la consulenza sono gratuiti e sono a disposizione durante gli orari di apertura senza prenotazione. DIGGY avrà luogo ogni venerdì (tranne giovedì 13 giugno 2024) fino al 13 giugno 2024. DIGGY non si terrà il 02 febbraio, il 22 marzo, il 29 marzo, il 26 aprile e il 24 maggio 2024 Per ulteriori informazioni si può contattare la biblioteca civica (0472 723760 – biblioteca@vipiteno.eu).

Biblioteca Civica di Vipiteno Via Dante 9, Vipiteno, BZ
Wochenendrebellen
0
Cinema
Venerdì, 23 Feb 2024 15:30

DE 2023, 109 Min. Regie: Marc Rothemund mit: Florian David Fitz, Cecilio Andresen, Aylin Tezel Jason ist zehn und Autist. Das bedeutet unter anderem, dass er die Dinge immer ganz genau nimmt. So auch die Suche nach einem Lieblingsfußballverein. Zusammen mit Papa Mirco reist er durch ganz Deutschland, von Stadion zu Stadion. Denn wie sollte man sich für einen Verein entscheiden, wenn man nicht ALLE gesehen hat?

Filmclub Dr.-Streiter-Gasse 8/d, Bolzano, BZ
Aufruhr im Gemüsebeet
0
Kids
Venerdì, 23 Feb 2024 17:00
L'evento si tiene dal 22 Feb 2024 al 24 Feb 2024

Es war ein Tag wie im Bilderbuch. In allen Büschen sangen die Vögel, die Fliegen flogen, das Gras wuchs und die ganze Luft war so voll von Frühling, dass der alte Petterson und sein Kater Findus endlich das Gemüsebeet bestellen konnten. Der Alte grub und säte, während Findus, der Gemüse nicht ausstehen konnte, Fleischklößchen pflanzte. Das heißt, wenn er nicht gerade herumflitzte und Käfer erschreckte. Alles war wie jedes Jahr - bis die Hühner Erna, Wilma und ihr freches Küken Paula, ein Schwein und ein riesiges Rindvieh für Aufruhr im Gemüsebeet sorgten... Jörg Bretschneider (DE) Dresdner Figurentheater Für Kinder ab 4 Jahren, Dauer: ca. 45 Minuten

Theater im Hof Obstmarkt 37, Bolzano, BZ
DIALOGO con Raffaella Chiodo Karpinsky sul suo libro
0
Art & Culture
Venerdì, 23 Feb 2024 18:00

nell'ambito delle iniziative legate all'appello della Rete Pace e Disarmo "Fermiamo la follia di tutte le guerre...", DIALOGO con Raffaella Chiodo Karpinsky sul suo libro "Voci dell'altra Russia. Quelli che resistono alla guerra". Il 24 febbraio del 2022, inizia l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. Da quel giorno cerco di riportare le voci delle personalità della politica, del teatro, del cinema, della società civile che in Russia si oppongono alla guerra. È una realtà che esiste ma di cui poco si parla in occidente. Una realtà schiacciata tra due fronti: all'interno dalla repressione del regime e all'esterno dalla diffidenza, la sottovalutazione, la mancanza di sostegno e empatia. Eppure questa realtà è quella democratica che rappresenta l'unica speranza di rinascita del paese. Raffaella Chiodo Karpinski, Autrice freelance di articoli e pubblicazioni su temi di politica e cooperazione internazionale, lotta al razzismo, sport come strumento di inclusione dei rifugiati, promozione della salute. E’ stata autrice e ha curato: il volume e la relativa mostra “Il Contributo Italiano alla lotta all’Apartheid” insieme a Vincenzo Curatola; la mostra “E’ tutto in gioco” che attraverso episodi e personaggi racconta come il razzismo si è manifestato nello sport e come lo sport può essere utile per combattere il razzismo nella società realizzata nell’ambito del Progetto Europeo “Towards a European Sport Diplomacy”; il libro “Apolidi nell’ordine cinico del mondo” insieme a Patrizia Salierno; la pubblicazione “Persone più attive per un mondo migliore –che contiene il Piano D’azione Globale sull’Attività Fisica dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per conto della UISP; la pubblicazione- fotoracconto “Mosca agosto 1991” che ripercorre i giorni del colpo di Stato. Autrice della trasmissione radiofonica Siamo noi la Terra su RADIOARTICOLO1 dedicata alle culture e storie dei migranti. Per oltre trent’anni ha lavorato per ong e istituzioni italiane e internazionali nella cooperazione internazionale occupandosi in particolare di paesi dell’Africa Australe e del Medio Oriente. È stata osservatrice nei processi di pace ed elettorali in Sud Africa, Mozambico, Angola, Russia e Ucraina. Dal 2009 collabora con la UISP in progetti europei e nazionali in qualità di esperta in materia di lotta al razzismo, Grassroots Sport Diplomacy) e di promozione della salute attraverso lo sport e l’attività fisica. Tra il 2021 e 2022 ha coordinato l’Osservatorio Nazionale contro le discriminazioni nello Sport , progetto della UISP in collaborazione con l’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali). E’ membro eletto del board della rete europea FARE (Football Against Racism in Europe) con la quale durante i Mondiali di calcio del 2018 ha collaborato alla realizzazione di eventi con associazioni e gruppi della società civile russa sui temi dei diritti umani, razzismo, di genere nella Diversity House a Mosca. Dal 2021 fa parte della Consiglio degli esperti per la giuria del Premio internazionale di giornalismo Fetisov Journalism Awards destinato a giornalisti di ogni parte del mondo che con le loro storie innovative sui diritti umani e pace contribuiscono a cambiare il mondo. Da tempo impegnata nella promozione della conoscenza della società civile che in Russia si esprime contro la guerra e contro l’oppressione delle libertà di espressione e informazione del regime di Putin. Per questo dall’inizio dell’aggressione della Russia all’Ucraina pubblica articoli ed editoriali sul quotidiano Avvenire.

Spazio Young Via Torino 31, Bolzano, BZ
Nibelungen: I M A G I N E W O R L D S allora, dopo, oggi
0
Art & Culture
Venerdì, 23 Feb 2024 19:00

Artisti e artiste: Astha Butail, Julia Bünnagel, Andrea Canepa, Zuzanna Czebatul, Margret Eicher, Nadine Fecht, Philipp Fürhofer, Jeppe Hein, John Isaacs, Kubra Khademi, Alexander Kluge & Jonathan Meese, Oliver Laric, Kris Lemsalu, Philip Loersch, Tim Noble & Sue Webster, Mirja Reuter und Florian Gass, Nasan Tur; Florian Gass & Mirja Reuter (progetto artistico partecipativo). a cura di: Harald F. Theiss Il 23 febbraio la stagione espositiva di Merano Arte si apre con il progetto interdisciplinare, in collaborazione con l’Accademia di Merano e il Festival Sonora, NIBELUNGEN: il ritorno, all’interno del quale sarà allestita la mostra I M A G I N E W O R L D S allora, dopo, oggi, a cura di Harald F. Theiss. Il progetto è incentrato sul manoscritto del “Nibelungenlied” [Cantare dei Nibelunghi], risalente al 1300 circa, rinvenuto a Laces, in Alto Adige, e attualmente in possesso della Biblioteca di Stato di Berlino. Il Nibelungenlied è il più importante poema epico della letteratura tedesca medievale. Composto intorno al 1200, a partire da numerose leggende tramandate oralmente, comprende due diversi livelli narrativi: un primo nucleo racconta le gesta eroiche di Sigfrido, come l’uccisione del drago e la conquista di un tesoro di inestimabile valore, e ha radici in saghe scandinave dell’alto medioevo; un secondo affronta una serie di vicende storiche legate alla caduta dei Burgundi. L’analisi del manoscritto offre la possibilità di riconsiderare diversi aspetti della storia culturale europea ed extraeuropea. Inoltre, l’impatto che il Nibelungenlied ha esercitato e le differenti possibilità interpretative che ne sono state proposte, rappresentano degli aspetti forse ancora più significativi dell’opera in sé, e si pongono come punto di partenza per una pratica espositiva basata su una narrazione extraletteraria. La mostra I M A G I N E W O R L D S esplora, con gli strumenti dell’arte, la rilevanza sociopolitica e le formazioni delle funzioni identitarie, puntando sull’incontro tra linguaggio visivo e scritto. A partire da opere di arte contemporanea e da un progetto partecipativo, permette riflessioni critiche, contestualizzazioni e ricostruzioni di qualcosa che va oltre alla semplice narrazione tradizionale: interroga la memoria collettiva e il rapporto tra la costruzione e la decostruzione di miti eurocentrici in un’epoca di ridefinizione post-coloniale e post-migratoria del mondo. Nel contesto di concetti sociali, vengono esaminati i modi in cui qualcosa avrebbe potuto essere allora, è stato dopo, ed è oggi. La mostra riguarda anche l’emergere di nuove immagini di sé e degli altri. Stabilisce delle connessioni con la formazione delle classiche immagini eroiche e con le loro manifestazioni mediatiche contemporanee, ma anche con i cambiamenti dei ruoli di genere. In particolare, l’ideale dell’amore cortese rappresenta un sistema di valori che ancora oggi influisce sulle norme sociali e la cui comprensione approfondita può aiutare a chiarire azioni culturali più recenti, non solo per quanto riguarda la critica istituzionale queer-femminista e le prospettive specifiche di genere. I M A G I N E W O R L D S è più un gioco di pensiero associativo che una riproduzione dell'epica con nuove immagini. Utilizzando l'arte dell'allusione e del riferimento, la mostra ragiona sull’ambivalenza dei miti, sulla scomparsa e sull’emergere di nuove storie e mitizzazioni. Vengono messe in scena nuove creazioni artistiche che raccontano cambiamenti culturali e aspetti che caratterizzano la società. Attraverso opere non solo di matrice linguistica, la mostra ha il coraggio di creare degli spazi vuoti, intesi come momenti di riflessione intorno a una realtà costituita da arte testuale, media art, forme interattive ma anche dipinti, disegni, oggetti scultorei. In questo modo I M A G I N E W O R L D S consente una visione ampia del concetto di mito, rimandando ai significati e alle trasformazioni delle narrazioni (mano)scritte, dell’autorialità, della storia, dell’estetica, della ricezione, della demistificazione, delle costruzioni di genere – allora, dopo, oggi…

Merano Arte Portici, 163, Merano, BZ
1h22 vor dem Ende
0
Theatre
Venerdì, 23 Feb 2024 20:00-
L'evento si tiene dal 09 Feb 2024 al 28 Feb 2024

von Matthieu Delaporte Als Bernhard sich gerade umbringen will, klopft es an der Tür. Ein Mann mit Schnurrbart, Rollkragenpullover und Pistole steht und zielt auf den überrumpelten Bernhard. Es ist der Tod in Person, der in dieser Funktion seinen ersten Arbeitstag hat und Bernhard abholen will: „Wir sind wie Taxis. Mein Ausbilder Karlheinz sagt immer: Wir sind wie Uber.“ Leider hat sich der Tod im Stockwerk geirrt. Und auch ansonsten ist er alles andere als ein Profi... 1h22 vor dem Ende ist ein Wortgefecht um Leben und Tod – wobei letzterer eine etwas desolate, aber dafür umso unterhaltsamere Mischung aus Existenzialist, Lebenskünstler und Alkoholiker ist. Ihm gegenüber steht der schüchterne, noch ungeküsste Bernhard, der den tödlichen Humor nicht versteht, aber aus Höflichkeit kooperationswillig ist. Im Zusammenspiel werden die beiden zum Duo infernale, das am Ende weiß, wofür es sich zu leben (oder sterben) lohnt. Regie: Torsten Schilling mit: Dietmar Gamper, Thomas Hochkofler Ausstattung: Kerstin Kahl

Theater in der Altstadt Freiheitsstraße 27, Merano, BZ
1h22 vor dem Ende
0
Theatre
Venerdì, 23 Feb 2024 20:00-
L'evento si tiene dal 09 Feb 2024 al 29 Feb 2024

von Matthieu Delaporte Mit: Dietmar Gamper, Thomas Hochkofler Regie: Torsten Schilling Bühne und Kostüme: Kerstin Kahl Als Bernhard sich gerade umbringen will, klopft es an der Tür. Ein Mann mit Schnurrbart, Rollkragenpullover und Pistole steht und zielt auf den überrumpelten Bernhard. Es ist der Tod in Person, der in dieser Funktion seinen ersten Arbeitstag hat und Bernhard abholen will: „Wir sind wie Taxis. Mein Ausbilder Karlheinz sagt immer: Wir sind wie Uber.“ Leider hat sich der Tod im Stockwerk geirrt. Und auch ansonsten ist er alles andere als ein Profi... 1h22 vor dem Ende ist ein Wortgefecht um Leben und Tod – wobei letzterer eine etwas desolate, aber dafür umso unterhaltsamere Mischung aus Existenzialist, Lebenskünstler und Alkoholiker ist. Ihm gegenüber steht der schüchterne, noch ungeküsste Bernhard, der den tödlichen Humor nicht versteht, aber aus Höflichkeit kooperationswillig ist. Im Zusammenspiel werden die beiden zum Duo infernale, das am Ende weiß, wofür es sich zu leben (oder sterben) lohnt.

Theater in der Altstadt Freiheitsstraße, Merano, BZ
Christoph Fritz (D): „Zärtlichkeit“
0
Theatre
Venerdì, 23 Feb 2024 20:00
L'evento si tiene dal 22 Feb 2024 al 23 Feb 2024

Wenn Christoph Fritz seine Mutter trifft, schütteln sie sich zur Begrüßung die Hände. Manchmal verzehrt er sich so sehr nach Nähe, dass er sich über den Erhalt von Spammails freut oder die an den Vorvormieter adressierten Briefe. Da man auf Spammails aber nicht antworten sollte und das heimliche Öffnen von fremden Briefen über Wasserdampf bekanntlich auch keine Dauerlösung darstellt, begibt er sich auf die Suche nach Intimität, die er an Orten findet, an denen er sie nicht vermutet hätte. So werden eine abgelegene Straße in Frankreich, ein nächtlicher niederösterreichischer Garten oder die Ordination eines Urologen zu Schauplätzen unverhoffter Zärtlichkeit. “In seinem zweiten Solo ‘Zärtlichkeit’ berührt Christoph Fritz Herz und Hirn. Mit minimalistischer Kunst spielt er sich in absurde Höhen mit fabelhaften Begegnungen… Der trockene Schmäh ist bestechend.” (Die Presse) “Eine unbedingte Empfehlung” (Falter) “Christoph Fritz besticht durch radikale Schüchternheit. Seine Sätze klingen sanft und zögerlich, mitunter stotternd, und sind dennoch von einer Trotzigkeit, die das Publikum verdutzt zurücklässt.” (Der Standard) “Mit seinem neuen Programm namens ‘Zärtlichkeit’ untermauert er sein Talent für schwarzen wie bitterbösen Humor.” (Kurier)

Kleinkunsttheater Carambolage Silbergasse 19, Bolzano, BZ
Rickerl - Musik ist höchstens a Hobby
0
Cinema
Venerdì, 23 Feb 2024 20:00

AT/DE 2023, 104 Min. Regie: Adrian Goiginger mit: Voodoo Jürgens, Ben Winkler, Agnes Hausmann, Nicole Beutler Der erfolglose Musiker Erich „Rickerl“ Bohacek schreibt seit Jahren an seinem ersten Album. Doch es fehlt ihm an Mut und Konsequenz, seiner Leidenschaft zu folgen und in der Musikszene Fuß zu fassen. Um sich über Wasser zu halten, arbeitet er als Totengräber, zieht mit seiner Gitarre durch die Wiener Beisln, tritt als Hochzeitssänger auf und versucht verzweifelt, seinem Sohn Dominik ein guter Vater zu sein. Doch Rickerl ist ein chaotischer Freigeist und steht sich selbst und seinem Glück im Weg. Voodoo Jürgens und dessen Songs, die eng mit der Handlung verknüpft sind, verleihen RICKERL seine musikalische Seele. Mit Wirtshausschmäh und viel Lokalkolorit taucht Regisseur Adrian Goiginger tief in das Wiener (Nacht-)Leben ein und erzählt dabei eine berührende Vater-Sohn-Geschichte. „Eine melancholisch-humorvolle Hommage an Wien und den Austropop“ (Filmladen)

Stadttheater Johann-Wolfgang-von-Goethe-Platz 1, Vipiteno, BZ
Orazio
0
Theatre
Venerdì, 23 Feb 2024 20:30

Nell'Amleto di Shakespeare due ragazzi poco più che ventenni, Amleto e Orazio, grandi amici fra loro, si trovano a dover fare i conti con le macerie di un mondo, quello dei “grandi”, che cade a pezzi sotto al loro naso. Uno dei due - Amleto, un principe - sarà sopraffatto dagli eventi e morirà, l'altro - Orazio, un uomo buono - sarà il solo a sopravvivere e riceverà dall'amico morente l'incarico di raccontarne la storia. La grande opera shakespeariana è stata il punto di partenza di un viaggio che ha condotto Paolo Mazzarelli, attore, regista e autore di grande spessore, sensibilità e versatilità, alla scrittura di un testo originale, intitolato Orazio. «Da qualche tempo guardo con particolare interesse alla generazione di chi oggi ha vent'anni» scrive Mazzarelli «Se la mia generazione sembra infatti suo malgrado costretta nella prospettiva di una fine incombente […] di sistema, chi oggi ha vent'anni non può fare altro che guardare ad un orizzonte già successivo alla fine e infinitamente più interessante: quello in cui hanno luogo i primi passi di un nuovo possibile inizio. Dell'Amleto il nuovo testo di Mazzarelli conserva solo un'incursione nella scena dello spettro e porta in scena tre amici di circa vent'anni che si confrontano con le macerie di un mondo: quello presente. «Un mondo che per loro -un buffo ragazzo italiano senza fissa dimora, un migrante africano, una ragazza figlia di un potente e vanitoso teatrante, deve necessariamente essere ripensato, sovvertito, ricreato. In Orazio la mia presenza come attore non poteva che essere in secondo piano - e in un ruolo umoristico e auto-ironico - lasciando ai tre giovanissimi il ruolo di assoluti protagonisti» prosegue l’autore e regista. E sarà proprio il teatro ad offrire ai tre una possibilità in tal senso. incautamente ispirato dall'Amleto di W. Shakespeare testo e regia Paolo Mazzarelli scene Paola Castrignanò sound design e musiche originali Luca Canciello con (in o.a.) Antonio Bandiera, Malich Cissè, Paolo Mazzarelli, Beatrice Vento produzione Teatro Stabile di Bolzano, a.ArtistiAssociati, Compagnia Orsini durata: 85 minuti

Teatro Comunale Piazza Johann Wolfgang von Goethe 1, Vipiteno, BZ
Il ballo -ANNULLATO!
0
Theatre
Venerdì, 23 Feb 2024 20:30

> testo e regia di Antonio Viganò > con gli attori e le attrici del Teatro la Ribalta- Kunst der Vielfalt > coreografie di Julie Anne Stanzak > scene di Antonio Panzuto > luci di Michelangelo Campanale > costumi di Maria Pascale > collaborazione artistica Paola Guerra > organizzazione Martina Zambelli > una produzione Teatro la Ribalta - Kunst der Vielfalt > con la collaborazione di: Lebenshilfe – Bolzano, Residenze artistiche “Olinda” - Festival, “Da vicino nessuno è normale” - Milano durata: 60' Il ballo è il manifesto poetico della compagnia Teatro la Ribalta-Kunst der Vielfalt, un progetto che indaga sul senso di questa sua appartenenza al teatro: e lo fa con una creazione che coinvolge sulla scena, per la prima volta, tutti gli attori e le attrici della compagnia e i tanti artisti esterni, come la danzatrice Julie Anne Stanzak che ha curato le coreografie. Il ballo è uno spettacolo di teatro - danza dove i personaggi, prigionieri in una stanza - metafora del mondo - cercano di dare un senso alla propria vita, a questa “pupazzata” o “pantomima” che sono le vite desertiche e vuote. Prigionieri delle proprie abitudini e convenzioni sociali, di uno spazio fisico e mentale, lottano per non soccombere alle regole e alle logiche a loro imposte. Prigionieri non solo di quello spazio fisico ma anche dello sguardo che gli “altri” rimandano loro, cercano una via di fuga, un modo per ritrovare una propria soggettività, una propria storia, intima ed esclusiva. La loro lotta è un elogio alla vulnerabilità umana, un canto alla possibilità di esistere e farsi bellezza e stupore. CORPI ERETICI MADE IN BZ Teatro la Ribalta - Kunst der Vielfalt

Teatro Cristallo Via Dalmazia 30, Bolzano, BZ
Tristezza
0
Theatre
Venerdì, 23 Feb 2024 20:30

CONFERENZA SPETTACOLO > relatrici Silke Pfitscher e Monica Greco, psicologhe e psicoterapeute> artisti compagnia teatroBlu durata: 80' “Non si può essere profondamente sensibili in questo mondo senza essere molto spesso tristi.” (Erich Fromm) In questa seconda conferenza spettacolo verrà proposto un’ approfondimento della tristezza; un’emozione delicata che si insinua nel l’animo e lo pervade. La tristezza è una condizione emotiva fisiologica che si riflette esteriormente stimolata da eventi specifici: perdite, separazioni, fallimenti, delusioni. Spesso considerata sintomo di debolezza che è in contrasto con l’immagine dell’essere attivi esaltata dalla nostra società, in realtà ha una funzione adattativa ed è necessaria alla sopravvivenza dell’essere umano. La tristezza è diversa dal dolore che è una sofferenza interiore che influenza il senso di sé, il rapporto con gli altri e la visione del mondo, arrivando anche a possibili manifestazioni somatiche. La consapevolezza della tristezza è una caratteristica che contraddistingue l’essere umano e ne favorisce la sua evoluzione. Dott.ssa Monica Greco, psicologa e psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo -comportamentale, nata a Milano di origini tedesche e svizzere é residente in Alto Adige da 24 anni. Lavora da piú di 20 anni presso il servizio psichiatrico di Bolzano. Molto interessata alla tematiche del disagio psichico del periodo peripartale, da anni lavora e coordina l’ambulatorio psichiatrico per la salutementale in gravidanza e post partum. Dott.ssa Silke Pfitscher, psicologa, psicoterapeuta. Opera nel servizio sanitario da 16 anni, attualmente presso il Centro salute mentale di Egna e da due anni referente degli psicologi del servizio psichiatrico di Bolzano. Ha studiato psicologia presso l’università di Innsbruck, specializzandosi in psicoterapia cognitivo comportamentale e trauma-terapia ed approfondimento nella terapia focalizzata sulle emozioni. TU CHIAMALE SE VUOI EMOZIONI compagnia teatroBlu

Teatro Cristallo Via Dalmazia 30, Bolzano, BZ
Marmotta Trophy
0
Sport
Sabato, 24 Feb 2024
L'evento si tiene dal 22 Feb 2024 al 25 Feb 2024

La gara di sci alpinismo di alto livello, in alta montagna e altamente professionale nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio. Dal 22/02-25/02/2024 si svolgerà la 16a edizione della gara “Marmotta Trophy” in Val Martello. Finora, la gara di sci alpinismo si è svolta per sei volte come Coppa del Mondo ISMF. Giovedì, 22.02.2024 – Coppa del Mondo ISMF | INDIVIDUAL Sabato, 24.02.2024 – Coppa del Mondo ISMF | MIXED RELAY Domenica, 25.02.2024 – Coppa del Mondo ISMF | SPRINT

Fondazione Provincia
Risultati 1 - 25 di 335