banner inside 01 de

AMORE - Veröffentlicht von martin_inside

0
×

Achtung

Dieses Event ist vorbei, bleibe mit uns für weitere Events

Event-Informationen

di e con Pippo Delbono
e con Dolly Albertin, Gianluca Ballarè, Margherita Clemente, Pippo Delbono, Ilaria Distante, Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Gianni Parenti, Pepe Robledo, Grazia Spinella e artisti portoghesi in via di definizione.

produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione
Coproduttori São Luiz Teatro Municipal - Lisbona, Pirilampo Artes Lda, Câmara Municipal de Setubál, Rota Clandestina, Ministeri da Cultura - Direcção Geral Das Artes (Portogallo) e Fondazione Teatro Metastasio di Prato (Italia)

«Il titolo "Amore" non vuole avere niente di retorico, è piuttosto il punto attuale di una ricerca iniziata tanto tempo fa. Siamo sempre alla ricerca di amore, tutti, alla ricerca dell’Amore: attraverso le tante vicissitudini dolorose che la vita riserva si passa faticosamente e a guidarci è forse proprio quella instancabile ricerca. Allora voglio provare a riportare nel teatro qualcosa che comunichi quell’Amore, provarci sapendo che come punto di partenza abbiamo scelto una terra come il Portogallo, così profondamente caratterizzata da un immaginario malinconico, struggente, elegiaco. Un luogo fatto di passione e nostalgia, ma anche, oggi soprattutto, di morte».

Kontakte :

Datum und Uhrzeit des Events :

Veröffentlicht von :

Könnte dich auch interessieren :

  • Gewinnerprojekt des 3. Ausgabe des Musiktheaterwettbewerbs Fringe Eine Frau verwandelt sich in eine Pflanze und entflieht der harschen Realität: So der Inhalt der Kurzgeschichte Die Früchte meiner Frau aus der Feder der erfolgreichen südkoreanischen Schriftstellerin Han Kang. Sie inspirierte die Kompanie Anomalia ETS zu ihrem Musiktheaterstück SILENZIO / SILENCE, dem diesjährigen Siegerprojekt des Fringe-Wettbewerbs. Komponistin Anna Sowa und Librettistin Martina Badiluzzi spielen in ihrem Stück mit Konventionen. Frau Linda reinigt den Warteraum für Teilnehmer eines Werbespotcastings. Sie hört Musik, putzt, singt und tanzt. Drei Bewerber betreten den Raum. Sie unterhalten sich über ihr Leben und ihre Träume. Keiner der drei ist glücklich. Jeder fühlt sich fehl am Platz. Erst als sie wie durch Zufall gemeinsam zu musizieren beginnen, entsteht zum Gesang von Linda ein gemeinsames Ganzes. Instrumentale und elektronische Fragmente verschmelzen zu einer zeitgenössischen Musiksprache in ständiger Bewegung, in der Pop- und Dubstep in Dialog treten. Die Übergänge zwischen den verschiedenen Musikstilen und die Fülle an neuen Impulsen sind charakteristisch für Sowas Arbeiten. KOMPONIST: ANNA SOWA LIBRETTO von MARTINA BADILUZZI
  • testo, messa in scena e spazio scenico Pascal Rambert traduzioen italiana Chiara Elefante con SaraBertelàe Anna Della Rosa produzione TPE- Teatro piemonte Europa, FOG Triennale Mialno Performing Arts La pièce approda per la prima volta in Italia nella messa in scena dallo stesso Pascal Rambert, dopo essere stata tradotta e rappresentata in diversi Paesi fra cui Spagna, Grecia ed Estonia. Sara Bertelà e Anna Della Rosa interpretano due sorelle al centro di un confronto generazionale. Il racconto in questione pone al centro la resa dei conti tra due sorelle, che viene descritta dallo stesso regista come «uno smisurato conflitto tra due donne che tutto separa e tutto riunisce. Una lotta all’ultimo sangue. Parola contro parola. Corpo contro corpo. Per dirsi – attraverso tutta questa violenza – solamente una cosa: l’amore che provano l’una per l’altra». Sorelle parte da un conflitto nato nelle mura domestiche per dirigersi in maniera raffinata e sottile verso una visione geopolitica che disorienta il popolo occidentale, caratterizzandosi con una sfumatura poetica originale. «Non esiste una trama, mi piace immaginare lo spettacolo in termini di energia. Non mi interessa raccontare una storia di conflitto ma focalizzarmi su come le interpreti incarnano il testo. Sull’energia reale e organica che scaturisce dalla relazione che i loro due corpi instaurano nello spazio. Quando dico che si tratta di uno scontro tra due sorelle, dico tutto e allo stesso tempo niente. La forza del conflitto risiede, infatti, su due elementi: il potere dello scambio verbale e l’eco che questo genera nello spazio e nel tempo. È qualcosa che si rinnova ogni sera e che richiede un notevole sforzo fisico» aggiunge Rambert.
  • 22° Festival Nazionale di Teatro il Mascherone LA TRAMA: Una piazza, un palco illuminato dalle lanterne, il pubblico si riunisce attirato dalla musica e da un’ ammiccante fanciulla. Sulle tavole del palcoscenico si alternano i frizzi e i lazzi di Arlecchino, Colombina, Capitan Spaventa, la Marchesa di Trippafatta, Tartagliello e tanti altri personaggi comici, irriverenti e sbruffoni che, appena scesi dal palcoscenico, tornano ad indossare i panni dei comici dell’arte delle famiglie Cera e Marcini. Lo spettacolo diventa vita vera dove affiorano i diversi caratteri, tra generosità e invidie, screzi, amori ed amorazzi, fame, paure e speranze delle due famiglie riunitesi in cerca di fortuna. Una “commedia nella commedia” per fare un viaggio nel tempo e rivivere la tradizione giullaresca nell’anno del Signore 1697. REGIA: Pino Fucito Aiuto Regia: Annarita Scaramella Consulenza artistica: Luca Mascia Costumi: Carolina Cubria Scelte musicali: Alberto Bozzo Scenografia: Pino Fucito e Carolina Cubria Realizzazione scene: Giuseppe Rizzotto Luci e fonica: Andrea Munaretto Locandina e decori: Silvia Fucito Fotografia: Gildo Maino