banner eventi annullati de

Presentazione del libro - La voce è tutto - Veröffentlicht von martin_inside

0
×

Achtung

Dieses Event ist vorbei, bleibe mit uns für weitere Events

Event-Informationen

Interviene
Maria Teresa Milano

Introduce e modera
don Gioele Salvaterra

In ebraico “voce” si dice qol e si pronuncia come la parola kol che significa “tutto”.

Questo gioco linguistico, così affine allo stile midrashico, è il punto di partenza di un percorso in cui si indagano le vicende di diverse “donne vocali” dalla Bibbia a oggi.

Il volume racconta anche alcune figure chiave dei nuovi fermenti che animano Israele. Negli ultimi anni infatti le donne religiose hanno portato grandi cambiamenti, hanno iniziato a chiedere e ottenere spazi nella sfera pubblica e politica (sono scrittrici, registe, politiche e direttrici di Scuole Talmudiche); si sono moltiplicati i movimenti per i diritti e alcuni rabbini hanno abbracciato la causa dell’empowerment femminile mentre diverse istituzioni in Israele si adoperano per combattere la discriminazione giuridica e arginare gli episodi di intolleranza maschile.

E se i giornali ultraortodossi sono soliti abusare di photoshop per cancellare i volti delle donne dalle fotografie – si tratti di Angela Merkel alla marcia per Charlie Hebdo o di Kim Kardashian a cena con il sindaco di Gerusalemme – al contrario questo libro intende, come suggerisce l’opera “Visible Women” dell’artista Carol Hamoy, rendere le donne visibili.

La voce è tutto, perché il canto è memoria e tradizione, espressione di sé e della propria storia.

La voce è il mezzo per esprimersi, cantare, pregare e, in fondo, per sentirsi innanzitutto esseri umani, come auspicava in uno dei suoi storici scritti la battagliera Shulamit Aloni.

Maria Teresa Milano, autrice del libro, dottore di ricerca in Ebraistica, traduttrice, autrice e formatrice. Crea e conduce progetti su storia, cultura e musica ebraica per conto di scuole e istituzioni.
Cura la rubrica «In ascolto» per Pagine Ebraiche – Moked. È docente di ebraico presso lo Studio Teologico Interdiocesano di Fossano e tiene corsi di lingua e di cultura ebraica. All’attività di ricerca affianca quella artistica come cantante nel gruppo klezmer Mishkalé, con cui ha prodotto Shtetl (recital e disco).

Kontakte :

Datum und Uhrzeit des Events :

Dienstag 22 Sep 2020

Veröffentlicht von :

Könnte dich auch interessieren :

  • Dienstag 15 Dez 2020
    La letteratura cinese: temi, correnti e protagonisti Moderazione: Adel Jabbar e Roberto Satta Coordinazione: Roberto Satta Iscrizioni: corsiepercorsi.retecivica.bz.it/corso.asp?cors_id=252069 La manifestazione Occidente verso Oriente intende offrire la possibilità di conoscere costumi, cultura, musica di altre culture, ampliando l'orizzonte culturale, fornendone la chiave di lettura di altre culture, al fine di arricchire ed essere volano di sviluppo culturale ed inevitabilmente anche economico. Dal 2017 la manifestazione si è svolta in Alto Adige. La prima edizione è stata dedicata al Giappone e ora ritorna con modalità online a illustrare e discutere sul Giappone e sulla Cina.
  • jede Woche bis am So 27 Dez 2020 an den Tagen: samstag sonntag
    Bei den Familienführungen erfahren Eltern und Kinder von 6 bis 11 Jahren auf spannende und spielerische Weise mehr über das Leben des berühmten Mannes aus dem Eis. Die Kinder entdecken den Alltag in der Kupferzeit, Materialien und die Funktion von Ötzis Werkzeugen, Gerätschaften und Kleidern selbst. Reservierung nicht nötig, Anmeldung direkt am Ticketschalter des Museums. Teilnahmegebühr: 2,50 Euro pro Person (zusätzlich zum Eintrittspreis)
  • Donnerstag 10 Dez 2020
    Eintritt: 12 Euro Moderation: Miriam Rieder What the fuck is Fuckup Nights? Die Idee hinter dieser 2012 in Mexiko entstandenen und inzwischen globalen Bewegung ist simpel und spannend zugleich: Gescheiterte Unternehmer*innen erzählen von ihren Pannen und Katastrophen. Drei Stories à 15 Minuten mit unglaublich vielen Learnings. Die Gäste auf der Bühne berichten offen von ihrem Scheitern und machen damit anderen Mut, nach dem Fall wieder aufzustehen. Warum? Weil wir das Leben ohne Filter lieben! Weil Gescheiterte wahnsinnig viel zu erzählen haben, von dem andere lernen können, und weil wir einen Kulturwandel brauchen, wenn es ums Scheitern geht. #sharethefailure